Vai ai contenuti

pomodori san marzano

POMODORO SAN MARZANO D.O.P.

 

G

F

M

A

M

G

L

A

S

O

N

D

Disponibile

                       

Il pomodoro, originario dell'America, fu importato in Europa dagli spagnoli nel XVI secolo, ma venne ignorato dal punto di vista alimentare per circa due secoli . Solo all'inizio del XIX secolo la salsa di pomodoro divenne comune a molte ricette, e la sua coltivazione si diffuse fino a diventare una delle pi¨ importanti della Campania.

Tra le varietÓ pi¨ famose a Napoli vi Ŕ il pomodoro Sammarzano, quasi estinto alla fine del XX secolo e recentemente recuperato alle coltivazioni. Il pomodoro dopo un lungo e travagliato viaggio da oltre oceano, dalle montagne del Guatemala approd˛ in Padania dopo aver viaggiato nelle stive dei galeoni di Herman CortÚs. Accolto con grande diffidenza da regnanti, scienziati ed uomini di chiesa, i quali ignari del forte corredo vitaminico, bollarono il pomodoro come un frutto malefico. Risale al '600 l'inizio della sua fortuna, grazie agli Estensi, i duchi di Parma che ne fecero distribuire gratuitamente i semi ai contadini. E, quando l'Europa era agitata dalla Rivoluzione francese, la rossa bacca giÓ rosseggiava tra il verde degli orti delle colline parmigiane. Nel 1902, a Fiano, una localitÓ tra Nocera, San Marzano, e Sarno il "Pomme d'amour" divenne San Marzano. Delizia dei buongustai, profumo delle domeniche dei ricchi e dei poveri. Feste comandate scandite dal rosso del sugo che copriva come una lava inebriante il bianco della pasta dei mulini di Gragnano e di Torre Annunziata. Curato, vezzeggiato come un bambino dalle famiglie contadine che lo allevavano nei caratteristici filari, tenuti sospesi con pali e fili di ferro, tra un fogliame ricchissimo, il quale proteggeva i rossi frutti dai raggi del sole. In buona sostanza, Re Pomodoro potÚ fregiarsi di cotanto nome solo quando divenne San Marzano. Nato da mirabile incrocio di tre varietÓ che, allora, all'inizio del Novecento erano molto diffuse a Sarno e nell'a valle del Sarno: la Fiascona, la Fiaschella e la Re Umberto.

COMPOSIZIONE E VALORE NUTRIZIONALE - Valore per 100 g

parte edibile

kcal

proteine animali

proteine vegetali

carboidrati

100 g

17

0 g

1,1 g

3,0 g

grassi

fibre

ferro

calcio

vitamina C

0,2 g

2,0 g

0,3 mg

4 mg

24 mg


Torna ai contenuti | Torna al menu